PROFESSIONISTI 24
Home Ambiente e Sicurezza Appalti Diritto Edilizia Fisco Lavoro Mangement Pubblica Amministrazione

PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

PROFESSIONISTI 24 > Pubblica Amministrazione

Riforme della PA

In arrivo le istruzioni per attuare la "legge 15"

Schema di Dlgs di attuazione della legge 15/2009 - approfondimento di Arturo Bianco, consulente Ancitel, pubblicato su Guida al pubblico impiego n. 6/2009
Pagina: 1 2 di 2 pagina successiva

Valorizzazione della valutazione, erogazione del trattamento economico accessorio ai dirigenti ripartiti in fasce, contrattazione con peso limitato, restyling della disciplina dei procedimenti disciplinari e valorizzazione delle competenze gestionali e della responsabilità dei dirigenti: queste le principali scelte contenute nella proposta di decreto attuativo della legge n. 15/2009.
È probabile che tra questo testo e quello che diventerà definitivo vi saranno numerose differenze; ciò che va rilevato è che si tratta di una misura di rilievo: questo decreto e l'intera manovra produrranno effetti pari a quelli determinati, a suo tempo, dalla privatizzazione del rapporto di lavoro dei dipendenti pubblici (Dlgs n. 29/1993) e dalle leggi Bassanini, con la connessa seconda privatizzazione del rapporto di lavoro del personale dipendente dalle PA.


La struttura
Il Governo ha scelto di concentrare in un unico provvedimento l'applicazione di tutte le misure dettate dal legislatore, senza spezzettarle in più decreti, salvo la parte sulla c.d. class action o azione collettiva. Questa scelta è stata voluta dal Consiglio dei ministri. La disciplina della class action dovrebbe essere oggetto di uno specifico schema di decreto legislativo.
Il testo licenziato dal Consiglio dei ministri si può suddividere, quanto agli aspetti formali, in due grandi parti: la prima detta disposizioni innovative, in particolare per la valutazione e la meritocrazia, la seconda contiene modifiche al Dlgs n. 165/2001, in particolare per la contrattazione, la dirigenza e le misure disciplinari. Quindi avremo, dopo l'approvazione della proposta, due provvedimenti di grande rilievo per la disciplina del lavoro nelle PA, il testo di questo decreto ed il Dlgs n. 165/2001.
Il testo consta di 72 articoli e si suddivide nei seguenti cinque titoli: principi generali: misurazione, valutazione e trasparenza della performance; merito e premi; nuove norme generali sull'ordinamento del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche; norme finali e transitorie.
I capitoli essenziali disciplinati dalle nuove disposizioni sono i seguenti: valorizzazione e regolamentazione della valutazione, dirigenza pubblica, limitazione della contrattazione collettiva, revisione delle procedure e delle sanzioni disciplinari.


I tempi
La proposta di decreto è stata approvata dal Consiglio dei ministri nella riunione dell'8 maggio scorso ed il testo ha subito delle variazioni (in particolare lo stralcio della c.d. class action o azione collettiva) nella riunione del Consiglio dei ministri del 15 maggio. Il Governo ha già bruciato i tempi previsti dalla legge, che prevede 9 mesi per l'adozione del provvedimento attuativo.
La proposta viene trasmessa ai soggetti che devono esprimere il proprio parere, che sono: la Conferenza unificata tra Stato, Regioni ed autonomie locali e le commissioni parlamentari competenti per materia. Tali soggetti hanno 60 giorni di tempo, dalla ricezione, per formulare i propri suggerimenti e giudizi; decorso tale termine il Governo può prescindere dal parere.
Non è chiaro se la proposta debba essere trasmessa anche al Consiglio di Stato, mentre il Governo ha scelto di trasmetterla anche al Cnel, in modo da raccogliere il parere dei soggetti sindacali; per raccogliere il parere dei sindacati il ministro si è comunque riservato anche di sentirli direttamente. Raccolti questi pareri il Governo delibererà il testo definitivo, che sarà trasmesso alla firma del Presidente della Repubblica, per essere pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale ed entrare in vigore.
Si può avanzare la previsione che occorrano tra i 2 e i 3 mesi per l'espressione dei pareri, per la conseguente deliberazione finale del Consiglio dei ministri e per l'emanazione: quindi entro il mese di luglio o, al più tardi, di agosto il testo definitivo dovrebbe entrare in vigore.


La valutazione
La valutazione è, nella stessa opinione del ministro della Pubblica amministrazione, una parte assai importante del provvedimento. In primo luogo, si deve sottolineare che la norma provvede per la prima volta a dare un nucleo stabile di disposizioni alla valutazione dei dirigenti e del personale. Fino ad oggi il legislatore ed i contratti collettivi si erano limitati a prevedere la sua attivazione.
Da evidenziare che la valutazione viene sostanzialmente sganciata dai controlli interni e diventa uno strumento essenziale di sviluppo organizzativo. Essa viene strettamente legata alla preventiva assegnazione di obiettivi, per i quali si prevede un arco temporale essenzialmente triennale. I suoi passaggi essenziali possono così essere riassunti: performance plain (obiettivi di performance dell'amministrazione nel suo complesso e delle varie unità organizzative che la compongono; collegamento tra gli obiettivi e l'allocazione delle risorse); controllo di gestione e valutazione (gestione dei programmi e degli interventi orientata al raggiungimento degli obiettivi; misurazione delle performance; valutazione del grado di raggiungimento degli obiettivi) ed infine performance report (rendicontazione delle performance ai fini del controllo interno; rendicontazione esterna delle performance ai competenti organi esterni ed ai cittadini).
  CONTINUA ...»

Pagina: 1 2 di 2 pagina successiva
RISULTATI
0
0 VOTI
Stampa l'articoloInvia l'articolo | DiminuisciIngrandisci CONDIVIDI
  Del.icio.us   Digg   Technorati   Yahoo  
Condividi le notizie più importanti
Tutte le icone rimandano a servizi web, esterni al sito ILSOLE24ORE.COM, che consentono di organizzare online le proprie informazioni e condividerle con la propria community di riferimento. Attraverso questi strumenti è possibile classificare, taggare, votare, commentare o salvare tutti i contenuti online che preferisci.
I servizi da noi scelti:
Del.icio.us Del.icio.us

Servizio di social bookmarking che consente di aggregare elenchi di bookmark creati dagli utenti classificandoli con un sistema di tag.

Digg Digg

Sito web di aggregazione e condivisione delle notizie, dai siti editoriali e dai blog, sulla base delle segnalazioni e del gradimento tra gli utenti.

Technorati Technorati

Motore di ricerca del mondo dei blog.

Yahoo Yahoo

Pagina personale del portale Yahoo!. Si possono conservare i propri bookmark per averli sempre disponibili nella propria pagina.

Vuoi segnalarci altri servizi simili? Scrivici
L'INFORMAZIONE DEL SOLE 24 ORE SUL TUO CELLULARE
 - ABBONATI A:  -   - Inserisci qui il numero del tuo cellulare  - 


La redazione Consiglia

Scuola

Il Sole 24 ORE - Quindicinale

Tutte le novità in arrivo con il nuovo anno scolastico nell'ultimo numero del quindicinale (in abbonamento) "Il Sole 24 Ore Scuola". Dal voto in condotta, all'educazione civica, alle regole per la scelta dei libri di testo. Non solo, "Scuola" analizza anche le innovazioni previste per l'anno scolastico 2009/2010, come il ritorno del maestro unico nella scuola elementare. Il servizio di copertina è dedicato all'analisi del bilancio della Pubblica istruzione, che per il 97% è destinato al pagamento degli stipendi e offre, quindi, ben poco spazio alle prospettive di investimento e innovazione.
Per informazioni

  ...»