PROFESSIONISTI 24
Home Ambiente e Sicurezza Appalti Diritto Edilizia Fisco Lavoro Mangement Pubblica Amministrazione

PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

PROFESSIONISTI 24 > Pubblica Amministrazione

Riposi giornalieri

Allattamento al padre anche se la moglie è casalinga

Ministero del Lavoro, lett. circolare del 12 maggio 2009 - a cura di Stefania Allegretti, provincia autonoma di Trento, in Gpi n. 6/2009

I permessi orari giornalieri
I permessi orari giornalieri retribuiti sono disciplinati dall'art. 39 del Dlgs 26 marzo 2001, n. 151. Questi permessi consentono l'assenza dal lavoro, durante il 1° anno di vita della figlia o del figlio, per 1 o 2 ore al giorno, a seconda che l'orario di lavoro sia inferiore a 6 ore, o pari o superiore. Sono fruibili in un solo periodo o anche frazionabili di norma in due periodi; devono essere comunicati preventivamente in modo formale al proprio datore di lavoro, che ha l'obbligo di concederli.
Le ore di allattamento devono essere fruite ogni giorno secondo l'orario prescelto e non possono essere cumulate tra più giorni ed essere fruite in modo posticipato o anticipato in giorni diversi da quelli cui si riferiscono. Si ricorda, poi, che, in caso di parto plurimo, i periodi di riposo sono raddoppiati e le ore aggiuntive di cui all'art. 41 del Tu possono essere utilizzate anche dal padre.
I riposi giornalieri non comportano alcuna riduzione proporzionale delle ferie e della tredicesima mensilità, continuando a competere ai lavoratori aventi diritto la retribuzione per intero, in relazione all'effettiva fruizione di questi permessi, in sé irrinunciabili.


I riposi giornalieri del padre
Il Testo unico sulla tutela della maternità e paternità, contenuta nel Dlgs n. 151/2001, dopo aver disciplinato all'art. 39 il diritto ai riposi giornalieri delle lavoratrici madri durante il primo anno di vita del bambino, fissa tassativamente le ipotesi e le condizioni che fanno sorgere lo stesso diritto al padre, in particolare:
a) quando il figlio è affidato al solo padre;
b) in alternativa alla madre lavoratrice dipendente che non se ne avvalga;
c) quando la madre non è lavoratrice dipendente;
d) in caso di morte o grave infermità della madre.


I chiarimenti dell'Inps
Finora il padre non poteva godere delle ore di permesso giornaliero quando la moglie era casalinga perché per madre lavoratrice non dipendente si intendeva madre che svolgeva un'attività di lavoro autonomo (artigiana, commerciante, coltivatrice diretta, colona, mezzadra, imprenditrice agricola professionale, parasubordinata e libera professionista) e non madre che si trovava in stato di disoccupazione.
Questa interpretazione è stata confermata dall'Inps, con la circolare n. 8 del 17 gennaio 2003 e con quella successiva n. 95-bis del 6 settembre 2006, le quali hanno espressamente negato il diritto del padre ai riposi giornalieri se la madre non è lavoratrice, in quanto – si spiega- questo diritto del padre continua ad essere "derivato" da quello della madre e se la madre non ne ha diritto, in quanto non dipendente, non ne ha diritto neanche il padre.


L'orientamento giurisprudenziale
Diverso è stato invece il prevalente indirizzo della giustizia amministrativa, favorevole a ricomprendere nella fattispecie di "madre non lavoratrice dipendente" la lavoratrice casalinga.
La sesta sezione del Consiglio di Stato, infatti, con la decisione n. 4293 del 9 settembre 2008, ha riconosciuto di recente al padre lavoratore con moglie casalinga il diritto a godere dei riposi giornalieri. L'organo costituzionale è giunto a questa conclusione considerando due aspetti: il fatto che numerosi settori dell'ordinamento considerano la figura della casalinga come lavoratrice (si veda Corte di cassazione, sez. III, n. 20324 del 20 ottobre 2005) e poi la finalità della norma stessa.
Quest'ultima, infatti, è nata per dare sostegno alla famiglia e alla maternità così come previsto dall'art. 31 della Costituzione e, quindi, volta a garantire innanzitutto la cura del neonato anche quando la madre (anche se non lavoratrice dipendente o autonoma) è impegnata in attività che possono distoglierla quali anche la cura quotidiana della casa e della famiglia.


Riposi giornalieri (ex permessi per allattamento)


Entro il 1° anno di vita del bambino sono riconoscibili alla madre (art. 39):
• 2 ore giornaliere anche cumulabili se l'orario è pari o superiore a 6 ore
• 1 ora se l'orario di lavoro è inferiore a 6 ore
• 1 ora quando la lavoratrice fruisca dell'asilo nido o di altra struttura idonea, istituiti dal datore di lavoro nell'azienda


Parto plurimo (art. 41): i periodi di riposo sono raddoppiati e le ore aggiuntive rispetto a quelle descritte sopra possono essere utilizzate anche dal padre


I riposi sono riconosciuti anche al padre lavoratore (art. 40):
• quando il figlio è affidato al padre
• in alternativa alla madre lavoratrice dipendente che non se ne avvalga
• quando la madre non è lavoratrice dipendente
• in caso di morte o grave infermità della madre


Nell'ipotesi di madre non lavoratrice dipendente, deve essere ricompresa anche la lavoratrice casalinga (si vedano Consiglio di Stato, sez. VI, n. 4293/2008; Cassazione, sez. III, n. 20324/2005 e lettera circolare del ministero del Lavoro del 12 maggio 2009)


I riposi giornalieri sono retribuiti, non comportano nessuna riduzione di ferie né della tredicesima mensilità.


Se la madre è in congedo parentale, il padre non ha diritto a fruire dei riposi giornalieri


Se il padre è in congedo parentale, la madre può utilizzare i riposi giornalieri


Se la madre è in congedo di maternità o parentale (solo nel caso di parto plurimo), il padre può utilizzare le ore aggiuntive di cui all'art. 41

Per saperne di più www.pubblicoimpiego.ilsole24ore.com

RISULTATI
0
0 VOTI
Stampa l'articoloInvia l'articolo | DiminuisciIngrandisci CONDIVIDI
  Del.icio.us   Digg   Technorati   Yahoo  
Condividi le notizie più importanti
Tutte le icone rimandano a servizi web, esterni al sito ILSOLE24ORE.COM, che consentono di organizzare online le proprie informazioni e condividerle con la propria community di riferimento. Attraverso questi strumenti è possibile classificare, taggare, votare, commentare o salvare tutti i contenuti online che preferisci.
I servizi da noi scelti:
Del.icio.us Del.icio.us

Servizio di social bookmarking che consente di aggregare elenchi di bookmark creati dagli utenti classificandoli con un sistema di tag.

Digg Digg

Sito web di aggregazione e condivisione delle notizie, dai siti editoriali e dai blog, sulla base delle segnalazioni e del gradimento tra gli utenti.

Technorati Technorati

Motore di ricerca del mondo dei blog.

Yahoo Yahoo

Pagina personale del portale Yahoo!. Si possono conservare i propri bookmark per averli sempre disponibili nella propria pagina.

Vuoi segnalarci altri servizi simili? Scrivici
L'INFORMAZIONE DEL SOLE 24 ORE SUL TUO CELLULARE
 - ABBONATI A:  -   - Inserisci qui il numero del tuo cellulare  - 


La redazione Consiglia

Scuola

Il Sole 24 ORE - Quindicinale

Tutte le novità in arrivo con il nuovo anno scolastico nell'ultimo numero del quindicinale (in abbonamento) "Il Sole 24 Ore Scuola". Dal voto in condotta, all'educazione civica, alle regole per la scelta dei libri di testo. Non solo, "Scuola" analizza anche le innovazioni previste per l'anno scolastico 2009/2010, come il ritorno del maestro unico nella scuola elementare. Il servizio di copertina è dedicato all'analisi del bilancio della Pubblica istruzione, che per il 97% è destinato al pagamento degli stipendi e offre, quindi, ben poco spazio alle prospettive di investimento e innovazione.
Per informazioni

  ...»