PROFESSIONISTI 24
Home Ambiente e Sicurezza Appalti Diritto Edilizia Fisco Lavoro Mangement Pubblica Amministrazione

Approfondimento

Passi in avanti sull'arbitrato

di Tiziano Treu
tratto da Contratti & Contrattazione Collettiva n. 5/2010


La Camera, dopo il messaggio con cui il Presidente della Repubblica ha segnalato alcuni profili di possibile incostituzionalità del testo approvato il 3 marzo, ha modificato nuovamente il c.d. collegato lavoro. Le modifiche introdotte dalla commissione lavoro della Camera correggono alcune delle norme più gravi del collegato, quelle sull'arbitrato, che avevano sollevato le maggiori obiezioni, anche di costituzionalità, nel corso del dibattito al Senato.
Non tutte le criticità segnalate dal Capo dello Stato sono state risolte; ma sarebbe sbagliato disconoscere o sminuire l'importanza delle correzioni introdotte.
Una prima modifica rilevante stabilisce che la clausola compromissoria può concludersi solo dopo il periodo di prova, o comunque dopo 30 giorni dalla conclusione del contratto di lavoro, e che nel definirla, in sede di certificazione le parti possono farsi assistere da un legale di fiducia o da un rappresentante sindacale. Così si vuol evitare che il lavoratore possa essere indotto, o costretto, ad accettare l'arbitrato nel momento di massima debolezza, cioè all'atto dell'assunzione. Inoltre gli si vuol fornire un'assistenza che lo aiuti a scegliere a ragion veduta.
E' un passo avanti; anche se la posizione di debolezza del lavoratore non scompare per il solo fatto del passare di un mese dal contratto e di un'assistenza esperta. Per questo nell'iter parlamentare precedente noi avevamo proposto che il ricorso all'arbitrato potesse avvenire solo nell'ambito di procedure negoziate collettivamente e solo in presenza di una controversia già in atto.
Una seconda modifica utile prevede che la clausola compromissoria non può riguardare le controversie riguardanti la risoluzione del rapporto, cioè i licenziamenti. Così si dà attuazione legislativa all'avviso siglato dalle parti sociali (non dalla Cgil) che ha escluso di voler mettere in discussione l'art. 18.
Peraltro l'arbitrato in equità previsto nell'originario collegato può mettere a rischio non solo le tutele contro il licenziamento ma altri diritti fondamentali del lavoratore (sanciti da norme inderogabili).
Per questo un'ulteriore correzione introdotta dalla commissione della Camera precisa che la decisione dell'arbitro deve rispettare non solo i principi generali dell'ordinamento, limite troppo generico, ma "i principi regolatori della materia, anche derivanti da obblighi comunitari". Questa formulazione è sicuramente più garantista della precedente, perché indica la necessità che l'arbitro rispetti se non tutte le norme inderogabili del diritto del lavoro, almeno tutta la sua sostanza di tutela.
Un altro punto critico riguarda il potere del Ministro del lavoro di decidere in ultima istanza se le parti sociali non si mettono d'accordo sulle regole dell'arbitrato. Qui la Commissione della Camera ha introdotto un ulteriore periodo di 6 mesi di tempo prima della decisione del ministro e l'obbligo dello stesso di tener conto delle risultanze del confronto collettivo.
C'è poi la modifica, approvata dall'aula, secondo cui la certificazione della clausola compromissoria potrà riguardare solo controversie già insorte; con tale previsione, si scinde il momento della firma della clausola compromissoria (prima della controversia) dal momento della certificazione (successiva alla controversia); vedremo se questa disposizione verrà confermata in Senato.
Ad ogni modo, come ho già avuto modo di osservare, le parti sociali avranno un compito decisivo nella gestione dell'arbitrato. Anzitutto per definire meglio gli ambiti e le condizioni di applicazione dell'arbitrato. Altrettanto importante sarà definire bene le procedure e i tempi utili a rendere celeri e sicuri gli interventi arbitrali; e poi occorrerà stabilire percorsi e strumenti formativi per preparare professionalmente i futuri arbitri. L'esperienza di altri paesi mostra che la qualità professionale degli arbitri e le procedure della loro attività sono decisivi per l'effettività dell'arbitrato e per renderlo capace non solo di snellire la giustizia del lavoro ma di esercitarla nel modo più utile alle parti.

RISULTATI
0
0 VOTI
Stampa l'articoloInvia l'articolo | DiminuisciIngrandisci CONDIVIDI
  Del.icio.us   Digg   Technorati   Yahoo  
Condividi le notizie più importanti
Tutte le icone rimandano a servizi web, esterni al sito ILSOLE24ORE.COM, che consentono di organizzare online le proprie informazioni e condividerle con la propria community di riferimento. Attraverso questi strumenti è possibile classificare, taggare, votare, commentare o salvare tutti i contenuti online che preferisci.
I servizi da noi scelti:
Del.icio.us Del.icio.us

Servizio di social bookmarking che consente di aggregare elenchi di bookmark creati dagli utenti classificandoli con un sistema di tag.

Digg Digg

Sito web di aggregazione e condivisione delle notizie, dai siti editoriali e dai blog, sulla base delle segnalazioni e del gradimento tra gli utenti.

Technorati Technorati

Motore di ricerca del mondo dei blog.

Yahoo Yahoo

Pagina personale del portale Yahoo!. Si possono conservare i propri bookmark per averli sempre disponibili nella propria pagina.

Vuoi segnalarci altri servizi simili? Scrivici
L'INFORMAZIONE DEL SOLE 24 ORE SUL TUO CELLULARE
 - ABBONATI A:  -   - Inserisci qui il numero del tuo cellulare  - 


La redazione Consiglia

SISTEMA ELETTRONICO LAVORO FRIZZERA


È nato il Sistema Elettronico Lavoro Frizzera: la soluzione pratica creata dal Sole 24 ORE per agevolare i professionisti del lavoro. La banca dati garantisce indicazioni operative e risposte su tutti gli aspetti della gestione del rapporto di lavoro grazie alle esclusive Schede Tematiche Frizzera, ciascuna dedicata ad un determinato istituto giuridico.
In un'unica soluzione tanti vantaggi: • concretezza • affidabilità • facilità d'uso • aggiornamento quotidiano on line.

Per scoprire tutti i vantaggi clicca qui

  ...»