PROFESSIONISTI 24
Home Ambiente e Sicurezza Appalti Diritto Edilizia Fisco Lavoro Mangement Pubblica Amministrazione

Diritto e Pratica delle SocietÓ

Soluzioni operative: societÓ di persone partecipate da societÓ di capitali

Dal numero 12/2008 di Diritto e Pratica delle SocietÓ
Pagina: 1 2 di 2 pagina successiva

Una s.n.c. risulta interamente posseduta da due s.p.a. In tale fattispecie, esistono accorgimenti particolari da adottare nella redazione del bilancio della societÓ di persone e delle societÓ di capitali partecipanti?

La possibilitÓ che una societÓ di capitali possa essere socia di una societÓ di persone Ŕ stata per lungo tempo oggetto di dibattito (1); prima della riforma del 2003, giurisprudenza (2) e dottrina sono state per molto tempo divise sulla soluzione.

La tesi favorevole si basava sull'asserzione secondo la quale non sussisteva alcuna norma di legge contraria.

In senso contrario, veniva sostenuto che la configurazione in commento avrebbe cumulato il vantaggio principale delle societÓ di capitali, la responsabilitÓ limitata, con i vantaggi dell'amministrazione diretta, propria delle societÓ di persone.

Riforma del 2003: apertura totale alle societÓ di capitali socie di societÓ di persone

Il legislatore della riforma del 2003 ha preso una posizione nel merito. Il novellato comma 2 dell'art. 2361 cod. civ. stabilisce: "l'assunzione di partecipazioni in altre imprese comportante una responsabilitÓ illimitata per le obbligazioni delle medesime deve essere deliberata dall'assemblea; di tali partecipazioni gli amministratori danno specifica informazione nella nota integrativa al bilancio".

Il nuovo dettato normativo risolve quindi, in senso affermativo, i dubbi esistenti sul fatto che una societÓ di capitali possa essere socia di una societÓ di persone; a fronte di questa apertura, il legislatore pone dei vincoli sia di carattere autorizzativo, in quanto Ŕ richiesta una delibera assembleare da parte della societÓ che intende assumere la veste di socio illimitatamente responsabile, sia di carattere informativo, in quanto Ŕ necessario fornire nella nota integrativa della societÓ di capitali le informazioni relative alla partecipazione (3).

Al contrario, non si ritiene possibile l'assunzione di partecipazioni in societÓ semplici per il fatto che le stesse possono esercitare esclusivamente attivitÓ non commerciali.

Pur in mancanza di specifiche indicazioni, si ritiene che quanto indicato dall'art. 2427, n. 5, cod. civ. (4) possa soddisfare quanto richiesto dal legislatore, salvo che per ci˛ che si dirÓ appresso.

La responsabilitÓ illimitata potrebbe richiedere di evidenziare situazioni o attivitÓ di particolare rischio, che potrebbero non essere sufficientemente espresse e chiarite seguendo i dettami del citato art. 2427, n. 5, cod. civ.

Una soluzione a favore dell'intelligibilitÓ di bilancio potrebbe consistere nell'iscrizione di una posta tra i conti d'ordine, nella logica che la partecipante "garantisce" la societÓ partecipata con l'intero suo patrimonio. Tale comportamento sarebbe avvalorato da quanto previsto in tema di patrimoni destinati ad uno specifico affare, laddove, nel caso di responsabilitÓ illimitata della societÓ per le obbligazioni contratte in relazione al suddetto affare, l'impegno da ci˛ derivante deve essere iscritto, appunto, tra i conti d'ordine.

Del tutto superato appare anche il problema della possibilitÓ che la societÓ di capitali possa rivestire la carica di amministratore della societÓ partecipata. Infatti, l'art. 2257 cod. civ. prevede che l'amministrazione della societÓ di persone spetti a ciascun socio. Se quindi, come stabilito dall'art. 2361, Ŕ prevista la possibilitÓ che una societÓ di capitali sia socia di una societÓ di persone, se ne deduce che alla stessa competa -salvo decisione contraria dei soci stessi- il potere di amministrazione (5).

OBBLIGHI DI REDAZIONE DEL BILANCIO DI SOCIETA' PARTECIPATE

(...)

Le disposizioni attuative del Codice sulla redazione del bilancio

Quanto sopra illustrato Ŕ ulteriormente rafforzato dall'art. 111 duodecies disp. att. cod. civ. (6), secondo il quale le s.n.c. e le s.a.s. devono redigere il bilancio secondo le norme previste per le s.p.a. e, ricorrendone i requisiti, devono redigere e pubblicare il bilancio consolidato: "qualora tutti i loro soci illimitatamente responsabili, di cui all'art. 2361, comma 2, del Codice, siano s.p.a., s.a.p.a. o s.r.l. (...) " (7).

L'art. 111 duodecies se, da un lato, elimina, qualora ce ne fossero ancora stati (8), tutti i dubbi in merito alla partecipazione di una societÓ di capitali in una di persone, dall'altro, impone a queste ultime degli obblighi del tutto identici a quelle in capo alle "societÓ maggiori" in tema di redazione del bilancio d'esercizio e del bilancio consolidato. Al contrario, non esistono adempimenti particolari per le societÓ di capitali se non quello previsto dall'art. 2361 cod. civ., il quale richiede che venga fornita specifica informazione nella nota integrativa delle partecipazioni in altre imprese che comportano una responsabilitÓ illimitata per le obbligazioni.

Requisito soggettivo: totalitÓ dei soci illimitatamente responsabili rappresentata da societÓ di capitali

Risulta determinante focalizzare l'attenzione sui casi in cui l'articolo delle norme di attuazione in commento pu˛ essere applicato. La norma, sul punto, appare chiara: il bilancio deve essere redatto solo ed esclusivamente se tutti i soci illimitatamente responsabili sono rappresentati da societÓ di capitali. Questo significa che, stante il tenore letterale della norma, gli adempimenti di cui sopra non risultano obbligatori quando una s.n.c. o una s.a.s. Ŕ partecipata da una persona fisica o altra societÓ di persone, qualunque sia la percentuale dalla stessa detenuta.  CONTINUA ...»

Pagina: 1 2 di 2 pagina successiva
RISULTATI
0
0 VOTI
Stampa l'articoloInvia l'articolo | DiminuisciIngrandisci CONDIVIDI
  Del.icio.us   Digg   Technorati   Yahoo  
Condividi le notizie pi¨ importanti
Tutte le icone rimandano a servizi web, esterni al sito ILSOLE24ORE.COM, che consentono di organizzare online le proprie informazioni e condividerle con la propria community di riferimento. Attraverso questi strumenti Ŕ possibile classificare, taggare, votare, commentare o salvare tutti i contenuti online che preferisci.
I servizi da noi scelti:
Del.icio.us Del.icio.us

Servizio di social bookmarking che consente di aggregare elenchi di bookmark creati dagli utenti classificandoli con un sistema di tag.

Digg Digg

Sito web di aggregazione e condivisione delle notizie, dai siti editoriali e dai blog, sulla base delle segnalazioni e del gradimento tra gli utenti.

Technorati Technorati

Motore di ricerca del mondo dei blog.

Yahoo Yahoo

Pagina personale del portale Yahoo!. Si possono conservare i propri bookmark per averli sempre disponibili nella propria pagina.

Vuoi segnalarci altri servizi simili? Scrivici
L'INFORMAZIONE DEL SOLE 24 ORE SUL TUO CELLULARE
 - ABBONATI A:  -   - Inserisci qui il numero del tuo cellulare  -