PROFESSIONISTI 24
Home Ambiente e Sicurezza Appalti Diritto Edilizia Fisco Lavoro Mangement Pubblica Amministrazione

ati

Le quote delle imprese nelle ATI

Commento a cura del Dott. Marco Porcu– Studio Legale Rusconi Partners

E’ causa di esclusione dalla gara la mancata dichiarazione delle quote di partecipazione delle imprese associate in A.T.I.
Così ha deciso il Consiglio di Stato con la sentenza del 22 febbraio 2010 n. 1038.
Nel caso in esame, riguardante una gara indetta per lavori di ammodernamento di un tratto stradale, la legge di gara prevedeva l’obbligo di specificare a pena di esclusione “il tipo di ATI prescelto con l’indicazione dell’impresa capogruppo, la quota dei lavori che ciascuna impresa intenda eseguire ….”
In base a questa disposizione la commissione di gara decideva di escludere l’ATI che non aveva indicato nella propria offerta la quota delle singole imprese.
In seguito a parere dell’ufficio legale interno, l’amministrazione giudicatrice procedeva alla riammissione dell’ATI con l’invito a presentare la documentazione mancante.
L’ATI così riammessa diveniva aggiudicataria definitiva e contro il provvedimento proponeva ricorso l’impresa dichiarata originariamente aggiudicataria provvisoria.
Intervenendo sulla questione, i giudici di Palazzo Spada affermano che l’indicazione delle quote dei lavori all’interno dell’Ati da parte delle associate è prevista nel caso di specie dalla lex specialis a pena di esclusione, pertanto non è possibile la riammissione dell’impresa con una semplice integrazione documentale.
Aggiungono, inoltre, che l’obbligo di indicare la quota dei lavori di ciascuna impresa sussiste anche nel caso in cui il bando o il capitolato non prescrivano nulla in merito, in quanto tale indicazione permette alla stazione appaltante di verificare in concreto “il possesso dei requisiti di qualificazione da parte delle singole imprese per l'effettiva parte di lavori che ciascuna deve espletare.”
L’integrazione è invece possibile soltanto in specifiche ipotesi, infatti: “a) la regolarizzazione deve riferirsi a carenze puramente formali od imputabili ad errori solo materiali (Cons. St., sez. VI, 31 agosto 2004, n. 5734); b) la regolarizzazione non può mai riguardare produzioni documentali violative di prescrizioni del bando (o della lettera di invito) presidiate dalla comminatoria di esclusione (Cons. St., sez. IV; 9 dicembre 2002, n. 6675).”
La dichiarazione della quota di partecipazione riguarda un elemento dell’offerta e incide sulla modalità di esecuzione della prestazione; pertanto un’eventuale integrazione documentale determinerebbe l’inaccettabile violazione del principio della par condicio.

Consulta la banca dati Codice Appalti

RISULTATI
0
0 VOTI
Stampa l'articoloInvia l'articolo | DiminuisciIngrandisci CONDIVIDI
  Del.icio.us   Digg   Technorati   Yahoo  
Condividi le notizie più importanti
Tutte le icone rimandano a servizi web, esterni al sito ILSOLE24ORE.COM, che consentono di organizzare online le proprie informazioni e condividerle con la propria community di riferimento. Attraverso questi strumenti è possibile classificare, taggare, votare, commentare o salvare tutti i contenuti online che preferisci.
I servizi da noi scelti:
Del.icio.us Del.icio.us

Servizio di social bookmarking che consente di aggregare elenchi di bookmark creati dagli utenti classificandoli con un sistema di tag.

Digg Digg

Sito web di aggregazione e condivisione delle notizie, dai siti editoriali e dai blog, sulla base delle segnalazioni e del gradimento tra gli utenti.

Technorati Technorati

Motore di ricerca del mondo dei blog.

Yahoo Yahoo

Pagina personale del portale Yahoo!. Si possono conservare i propri bookmark per averli sempre disponibili nella propria pagina.

Vuoi segnalarci altri servizi simili? Scrivici
L'INFORMAZIONE DEL SOLE 24 ORE SUL TUO CELLULARE
 - ABBONATI A:  -   - Inserisci qui il numero del tuo cellulare  -